🧮CRYPTOMAP 🧮STOCKMAP 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
× 📱 DOWNLOAD APP OUR SERVICE

🔵ASIA MANIFATTURIERA: GIAPPONE IN CRISI, CINA INCOSTANTE

🔵ASIA MANIFATTURIERA: GIAPPONE IN CRISI, CINA INCOSTANTE

Giorno: 2024-03-01 | Ora: 04:44 Le principali economie manifatturiere dell'Asia stanno lottando per riprendersi, con il Giappone particolarmente colpito da una caduta più ripida della domanda, mentre in Cina si registra una ripresa disomogenea. Le ultime rilevazioni mostrano una performance altalenante in Asia, con l'indice PMI manifatturiero del Giappone che segnala un calo dell'attività industriale al ritmo più veloce degli ultimi tre anni. In Cina, l'indice PMI ufficiale mostra ancora una caduta dell'attività industriale, a differenza di quanto indicato dall'indice PMI privato di Caixin. Nel complesso, la situazione economica dell'Asia rimane incerta, con alcune segnali di miglioramento in alcune regioni ma con una debolezza prolungata in Giappone. FABBRICHE ASIATICHE IN DIFFICOLTÀ MENTRE IL GIAPPONE VACILLA, LA CINA È INCOSTANTE Le principali economie manifatturiere dell'Asia hanno faticato a uscire dalla crisi nel mese di febbraio, con il Giappone in particolare che ha subito una caduta più pronunciata della domanda, mentre una ripresa incerta in Cina ha offuscato alcuni segnali di miglioramento in altre parti della regione. Una serie di sondaggi aziendali pubblicati venerdì hanno evidenziato una performance altalenante in tutta l'Asia, con l'indice PMI manifatturiero del Giappone che mostra una caduta dell'attività delle fabbriche al ritmo più rapido degli ultimi tre anni. Dalla Cina arrivano segnali contrastanti, con l'indice PMI ufficiale del governo che mostra una continua caduta dell'attività delle fabbriche, in contrasto con un leggero aumento riscontrato nell'indice PMI del settore privato. "I dati di febbraio indicano un altro mese di deterioramento delle condizioni operative nel settore manifatturiero giapponese," ha detto Usamah Bhatti di S&P Global Market Intelligence. "La domanda debole nei mercati nazionali e internazionali continua a pesare sulle prestazioni del settore, con una caduta sia della produzione che dei nuovi ordini al ritmo più forte dell'ultimo anno." Preoccupantemente, i dati recenti suggeriscono che la debolezza riscontrata in Giappone nel secondo semestre dell'anno scorso si è estesa al primo trimestre del 2024, complicando il compito della Banca del Giappone nel cercare di uscire dalla politica monetaria ultra-espansiva. Il Giappone è inaspettatamente scivolato in recessione nel quarto trimestre e ha perso il titolo di terza economia mondiale a favore della Germania, a causa del calo della spesa dei consumatori e delle imprese. L'indice PMI del Giappone segue i dati ufficiali giapponesi di questa settimana che mostrano una caduta della produzione delle fabbriche al ritmo più rapido da maggio 2020, a causa del calo della produzione di autoveicoli. La performance altalenante della Cina arriva in un momento in cui la seconda economia mondiale sta cercando di trovare un terreno più solido dopo una profonda flessione causata dai problemi del settore immobiliare. Gli investitori guardano all'incontro annuale del parlamento cinese di questo mese, dove i responsabili politici si troveranno sotto pressione per fare di più per rimettere in carreggiata l'economia. In altre parti dell'Asia, la potenza dei semiconduttori Taiwan ha visto accelerare il declino dell'attività. Ci sono stati alcuni segnali che le condizioni stanno continuando a migliorare in altre parti della regione. La crescita delle esportazioni della Corea del Sud ha superato le previsioni di mercato nel mese di febbraio, espandendosi per il quinto mese consecutivo grazie all'aumento della domanda di semiconduttori, che ha compensato la diminuzione delle vendite di veicoli. In altre parti del sudest asiatico, le principali economie manifatturiere hanno registrato una crescita, con gli indici PMI di Vietnam, Indonesia e Filippine che indicano una espansione dell'attività, anche se gli indici PMI della Malesia e della Thailandia mostrano ancora una caduta dell'attività.

LYNXNPEK2012I_L.jpg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,