🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🔵AUMENTO PREZZI PETROLIO: CAUSE ECONOMICHE

🔵AUMENTO PREZZI PETROLIO: CAUSE ECONOMICHE

Giorno: 04 | Ora: 01 I prezzi del petrolio sono saliti nelle prime ore di scambi in Asia a causa delle preoccupazioni per una minore offerta, in quanto i principali produttori mantengono i tagli alla produzione e a causa dei segnali di una crescita economica più forte negli Stati Uniti, il più grande consumatore di petrolio al mondo. I contratti futures del Brent per giugno e del WTI per maggio sono aumentati negli ultimi quattro giorni e hanno chiuso mercoledì ai massimi da fine ottobre. L'attacco dell'Ucraina alle raffinerie russe e le preoccupazioni che la guerra tra Israele e Hamas possa coinvolgere l'Iran hanno contribuito a far salire i prezzi. La riunione dell'OPEC e dei suoi alleati, compresa la Russia, ha mantenuto invariata la politica di offerta di petrolio mercoledì e ha spinto alcuni paesi a migliorare la conformità ai tagli alla produzione. In Medio Oriente, l'Iran ha promesso vendetta contro Israele per un attacco lunedì che ha ucciso alti ranghi militari iraniani.

AUMENTO DEI PREZZI DEL PETROLIO

  • I prezzi del petrolio sono aumentati nelle prime ore del commercio asiatico giovedì a causa delle preoccupazioni per una minore offerta, poiché i principali produttori mantengono i tagli alla produzione e segnalano una crescita economica più forte negli Stati Uniti, il più grande consumatore di petrolio al mondo.

CONTRATTI FUTURI DI BRENT E WTI

  • Il contratto futuro di Brent per giugno è salito di 15 centesimi, o dello 0,2%, a $89,51 al barile alle 0037 GMT. I contratti futuri di West Texas Intermediate (WTI) per maggio sono saliti di 15 centesimi, o dello 0,2%, a $85,59 al barile.
  • Sia il contratto di giugno per Brent che il contratto di maggio per WTI sono aumentati negli ultimi quattro giorni e hanno chiuso mercoledì al livello più alto dallo scorso ottobre.

CAUSE DELL'AUMENTO DEI PREZZI

  • Il petrolio ha guadagnato valore a causa degli attacchi dell'Ucraina alle raffinerie russe che hanno ridotto l'approvvigionamento di carburante e delle preoccupazioni che la guerra tra Israele e Hamas a Gaza possa coinvolgere l'Iran, con possibili interruzioni delle forniture nella regione del Medio Oriente chiave.

RIUNIONE DELL'OPEC E ALLEATI

  • Una riunione dei ministri di alto livello dell'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e dei suoi alleati, inclusa la Russia, ha mantenuto invariata la politica di fornitura di petrolio mercoledì e ha sollecitato alcuni paesi a aumentare il rispetto dei tagli alla produzione.
  • Il gruppo ha dichiarato che alcuni membri compenseranno l'eccesso di offerta nel primo trimestre. Ha inoltre dichiarato che la Russia passerà a restrizioni di produzione anziché di esportazione.

COMMENTI DELLA FEDERAL RESERVE

  • Mercoledì, il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, si è mostrato cauto riguardo ai futuri tagli dei tassi di interesse a causa dei dati recenti che mostrano una crescita dell'occupazione e un'inflazione superiore alle aspettative.
  • I commenti sono stati positivi per il petrolio perché indicavano una solida crescita economica degli Stati Uniti, ha detto Rob Haworth, stratega senior degli investimenti per il gruppo di gestione patrimoniale di U.S. Bank.

MINACCIA DI RAPPRESAGLIE DELL'IRAN

  • Nel Medio Oriente, l'Iran ha promesso vendetta contro Israele per un attacco avvenuto lunedì che ha ucciso personale militare iraniano di alto rango. L'Iran è il terzo maggior produttore dell'OPEC.
crude-oil.svg
crude-oil.svg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,