🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🔵AUMENTO RENDIMENTI TESORO USA: ANALISI

🔵AUMENTO RENDIMENTI TESORO USA: ANALISI

Giorno: 03 aprile 2024 | Ora: 16:41 I rendimenti del Tesoro statunitense sono aumentati mercoledì dopo che i dati hanno mostrato che gli stipendi privati nella più grande economia del mondo sono cresciuti più del previsto il mese scorso, sostenendo ulteriormente le aspettative che la Federal Reserve potrebbe prendersi il suo tempo nel ridurre i tassi di interesse quest'anno. I rendimenti a 10 anni hanno raggiunto un nuovo picco di 4-1/2 mesi del 4,429%, mentre i rendimenti a 5, 7, 20 e 30 anni hanno raggiunto i loro massimi da oltre quattro mesi. Tuttavia, i rendimenti si sono ridimensionati dopo che i dati hanno mostrato che la crescita del settore dei servizi negli Stati Uniti si è rallentata ulteriormente a marzo, mentre una misura dei prezzi pagati dalle imprese per i beni di consumo è scesa al livello più basso degli ultimi quattro anni. Pertanto, le probabilità di un taglio dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve a giugno sono diminuite dal 64% di martedì al 58%.

Rendimento dei titoli del Tesoro statunitense aumenta dopo i dati sulle buste paga private

  • I rendimenti dei titoli del Tesoro statunitense sono aumentati mercoledì dopo che i dati hanno mostrato che le buste paga private nella più grande economia del mondo sono cresciute più del previsto il mese scorso, consolidando ulteriormente le aspettative che la Federal Reserve possa prendersi il tempo necessario per tagliare i tassi di interesse quest'anno.
  • Il rendimento di riferimento del decennale ha raggiunto un nuovo picco di 4-1/2 mesi al 4,429%. Era in aumento di 2 punti base (bps) al 4,385%.
  • Anche i rendimenti di cinque anni, sette anni, venti anni e trenta anni hanno raggiunto il loro massimo in oltre quattro mesi.
  • Sul lato più breve della curva, il rendimento del biennale statunitense ha toccato un nuovo massimo di due settimane al 4,739% e si è poi stabilizzato al 4,709%.
  • L'aumento dei rendimenti è iniziato con la pubblicazione dei dati sulle buste paga private statunitensi. Il numero è aumentato di 184.000 posti di lavoro a marzo, dopo un aumento di 155.000 nell'ultima revisione di febbraio, secondo il rapporto sull'occupazione ADP. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dell'occupazione privata di 148.000 il mese scorso rispetto ai 140.000 segnalati precedentemente a febbraio.
  • "ADP ha impostato il tono della giornata. È stato più forte del previsto. E di conseguenza sembra che le scommesse sui tagli dei tassi della Fed si stiano riducendo sempre di più", ha detto Tom di Galoma, direttore generale e co-capo del trading globale sui tassi presso BTIG.
  • I rendimenti statunitensi si sono ridotti un po' dopo che i dati hanno mostrato che la crescita del settore dei servizi negli Stati Uniti si è ulteriormente rallentata a marzo, mentre una misura dei prezzi pagati dalle imprese per gli input è scesa al minimo di quattro anni, suggerendo una pressione inflazionistica in calo.
  • Secondo l'indice ISM non-manifatturiero, il PMI è sceso a 51,4 il mese scorso dal 52,6 di febbraio. È il secondo calo mensile consecutivo dell'indice dopo la ripresa a gennaio. Gli economisti intervistati da Reuters avevano previsto un aumento dell'indice a 52,7 a marzo. Il PMI rimane coerente con un'economia che continua a espandersi, sebbene a un ritmo moderato.
  • Dopo i dati, il mercato dei futures sui tassi statunitensi ha valutato al 58% la probabilità di un taglio dei tassi a giugno, in calo dal 64% di martedì scorso e dal 70% di una settimana fa, secondo il tool FedWatch del CME.
  • Anche il mercato ha ridotto il numero di tagli dei tassi a circa due quest'anno, rispetto ai tre di qualche settimana fa, secondo l'applicazione di probabilità dei tassi di LSEG.
  • Mercoledì, il presidente della Fed di Atlanta, Raphael Bostic, ha ribadito che la banca centrale statunitense può permettersi di prendersi tempo nel tagliare i tassi di interesse data la natura incerta dell'inflazione. Ha detto che la Fed non dovrebbe ridurre il suo tasso di interesse di riferimento fino alla fine di quest'anno, mantenendo la visione che la banca centrale statunitense dovrebbe ridurre i costi di prestito solo una volta nel corso del 2024.

"L'unico modo per ottenere tre o qu

US.svg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,

Read more