🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🔵AZIONI ASIATICHE RIALZISTE GRAZIE AI TAGLI DEI TASSI

🔵AZIONI ASIATICHE RIALZISTE GRAZIE AI TAGLI DEI TASSI

Giorno: 04 | Ora: 06 Le azioni asiatiche hanno registrato un forte rally giovedì grazie alle aspettative di taglio dei tassi negli Stati Uniti, anche se il momento in cui ciò avverrà non è ancora chiaro. Nel frattempo, lo yen ha perso terreno rispetto a tutte le altre valute tranne il dollaro, favorendo le azioni giapponesi. Anche le commodities hanno registrato un aumento, con l'oro che ha raggiunto un nuovo record, il petrolio che ha raggiunto il picco degli ultimi cinque mesi e il rame che ha toccato un massimo di 13 mesi. Questi guadagni riflettono l'ottimismo riguardo alla crescita globale grazie al miglioramento delle recenti indagini sul settore manifatturiero, in particolare per la Cina. La fiducia è stata rafforzata anche dalle affermazioni del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che ha confermato che i tassi negli Stati Uniti saranno comunque ridotti quest'anno, anche se il momento dipenderà dai dati economici. Le probabilità di un taglio dei tassi a giugno sono diminuite, ma si prevede comunque una riduzione complessiva dei tassi nel corso dell'anno. L'aumento dei rendimenti dei titoli di Stato ha sostenuto il dollaro, ma il suo valore è diminuito leggermente a seguito di una recente indagine sul settore dei servizi negli Stati Uniti. L'euro si è rafforzato e l'oro ha raggiunto un nuovo record. I prezzi del petrolio sono aumentati a causa dei conflitti in Ucraina e Medio Oriente.

ASIAN SHARES RALLY ON U.S. RATE CUTS

  • Le azioni asiatiche sono in rialzo giovedì grazie ai tagli dei tassi di interesse negli Stati Uniti, anche se il loro tempismo è incerto.
  • Anche lo yen è sceso, ad eccezione del dollaro, e ha favorito le azioni giapponesi.

COMMODITIES RAGGIUNGONO NUOVI MASSIMI

  • Oro, petrolio e rame raggiungono nuovi massimi, contribuendo ad aumentare le azioni delle aziende del settore dei materiali di base ed energetico.
  • Questi guadagni sono dovuti anche a interruzioni nell'offerta e tensioni geopolitiche, ma riflettono anche ottimismo sulla crescita globale data la ripresa delle recenti indagini sulle fabbriche (PMI), in particolare per la Cina.

OTTIMISMO PER LA CRESCITA GLOBALE

  • Un miglioramento costante nelle indagini sul settore manifatturiero del trimestre scorso indica un miglioramento del momentum nei prossimi mesi.
  • La fiducia delle imprese globali sta migliorando.

AZIONI ASIATICHE IN RIALZO

  • L'indice più ampio delle azioni dell'Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è in rialzo dello 0,4%.
  • Il Nikkei di Tokyo è in rialzo del 1,6% grazie al calo dello yen, con i settori dei materiali, industriali ed energetici in testa.

SENTIMENT POSITIVO SULLE RIDUZIONI DEI TASSI

  • Il sentiment è stato favorito da una conferma del presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che i tassi negli Stati Uniti verranno ancora ridotti quest'anno, anche se il tempismo dipende dai dati.
  • Il caso per un allentamento è stato rafforzato da un'indagine sul settore dei servizi negli Stati Uniti che ha mostrato il più basso indice dei prezzi pagati dal marzo 2020, compensando un preoccupante aumento dell'indagine sul settore manifatturiero.

PREVISIONI PER LE RETRIBUZIONI

  • Goldman Sachs ha rivisto al rialzo la sua previsione per le retribuzioni di 25.000 a 240.000, basandosi su un rapporto ADP che ha mostrato un aumento di 184.000 posti di lavoro nel settore privato.
  • Un tale risultato supererebbe la previsione mediana di 200.000 e potrebbe portare i mercati a ridurre nuovamente la possibilità di un taglio dei tassi a giugno.

REVISIONE DELLE ASPETTATIVE PER I TAGLI DEI TASSI

  • Le aspettative per i tagli dei tassi sono diminuite, con circa 73 punti base previsti per quest'anno rispetto ai più di 140 punti base di gennaio.
  • Anche i rendimenti dei titoli di Stato sono aumentati, con i rendimenti decennali che hanno raggiunto un massimo di quattro mesi.

LAUREA DEL DOLLARO

  • L'aumento dei rendimenti dei titoli di Stato ha in generale favorito il dollaro, anche se ha perso terreno dopo l'indagine sui servizi degli Stati Uniti.

L'euro è quotato a $1,0843, dopo essersi in rialzo dell'0,6% durante la notte, mentre l'indice del dollaro si attesta a 104,21 dopo essere sceso dello 0,5% nella sessione preced

Logo dell'indice Nikkei 225
Logo dell'indice EuroStoxx 50
Logo dell'indice FTSE
Logo dell'indice S&P 500
Logo dell'indice Nasdaq
Bandiera degli Stati Uniti
Bandiera del Giappone
Bandiera dell'Unione Europea
Logo dell'indice del dollaro USA
Simbolo dell'oro
Simbolo del petrolio

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,