🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🦎BINANCE E DIRIGENTI INCULPATI IN NIGERIA

🦎BINANCE E DIRIGENTI INCULPATI IN NIGERIA

Giorno: 4 aprile 2024 | Ora: 14:18 Binance e due suoi dirigenti sono stati accusati di riciclaggio di denaro e violazioni fiscali in Nigeria. Il capo della conformità di Binance, Tigran Gambaryan, non potrà rispondere per altri due settimane. Gli ufficiali nigeriani hanno ammesso di aver commesso un errore durante il processo, che è iniziato in modo confuso. Il tribunale ha rinviato l'imputazione di Gambaryan al 19 aprile a causa di documenti errati. Binance non aveva un avvocato presente all'udienza e non ha risposto alle richieste di commento. Questo è l'ultimo sviluppo nella crisi che ha coinvolto Binance in Nigeria, accusata di facilitare transazioni illecite e di essere responsabile del declino del naira, la valuta del paese.

BINANCE E DUE DIRIGENTI SONO STATI INCULPATI PER RICICLAGGIO DI DENARO E VIOLAZIONI FISCALI IN NIGERIA

  • Binance e due dirigenti sono stati incriminati per riciclaggio di denaro e violazioni fiscali in Nigeria.

IL CAPO DELLA CONFORMITÀ DI BINANCE NON PUÒ RISPONDERE PER ALTRI DUE SETTIMANE

  • Tigran Gambaryan, cittadino statunitense e capo della conformità di Binance, non può rispondere per altri due settimane.

GLI UFFICIALI NIGERIANI AMMETTONO DI AVER SBAGLIATO MENTRE IL PROCESSO INIZIA IN MODO CONFUSO

  • Gli ufficiali nigeriani ammettono di aver commesso un errore mentre il processo inizia in modo confuso.

Il capo della conformità di Binance, Tigran Gambaryan, sembrava sconsolato e magro entrando nella Corte Federale Suprema nella capitale della Nigeria giovedì per affrontare le accuse di evasione fiscale e riciclaggio di denaro per 35 milioni di dollari.

Con la testa china, le labbra strette e rispondendo ai suoi avvocati con leggeri cenni del capo, Gambaryan è rimasto in silenzio sperando in una qualche forma di risoluzione alla situazione in cui si trova dal suo arrivo in Nigeria cinque settimane fa.

Ha atteso invano e ora dovrà aspettare ancora.

Gambarayan, il capo della conformità finanziaria per il crimine di Binance con sede negli Stati Uniti, avrebbe dovuto essere imputato e dichiararsi non colpevole, o forse essere rilasciato.

Invece, gli ufficiali fiscali e anticorruzione hanno dichiarato di non essere pronti a procedere con le udienze.

L'errore? Non hanno consegnato a Gambaryan e ai suoi avvocati i documenti corretti che dettagliano le accuse a suo carico.

Come risultato, il tribunale ha rinviato la sua imputazione al 19 aprile.

Moses Ideho, l'avvocato che rappresenta il Servizio Federale delle Entrate Interne, ha ammesso l'errore e ha detto che l'agenzia non è riuscita a contattare Gambaryan.

Ma lui è stato sotto la custodia dello stato dalla fine di febbraio.

Sia il Servizio Federale delle Entrate Interne che la Commissione per i Crimini Economici e Finanziari della Nigeria hanno presentato denunce penali contro Gambaryan, il suo collega Nadeem Anjarwalla e Binance stessa.

Anjarwalla, un avvocato britannico, è stato processato in contumacia dopo essere riuscito a fuggire dalla custodia nigeriana alla fine di marzo.

Binance non aveva un avvocato presente all'udienza. I portavoce dell'azienda non hanno risposto alle richieste di commento giovedì.

Mercoledì, ha rilasciato una dichiarazione a _DL News_ in cui chiedeva la liberazione di Gambaryan, ex agente di alto livello dell'Internal Revenue Service degli Stati Uniti, perché non è responsabile delle decisioni prese dall'azienda.

Le due accuse dovevano essere procedimenti legali separati ma la scorsa settimana, il giudice capo della Corte Suprema ha ordinato un'udienza accelerata che ha unito entrambe le denunce penali contro Binance.

Dati il carattere caotico delle udienze, Ideho ha chiesto al tribunale di interrompere le udienze e permettere a Gambaryan di confrontarsi con i suoi avvocati.

Questi sviluppi rappresentano l'ultimo sviluppo in una crisi che ha esposto il modello di business senza freni di Binance all'azione regolamentare.

La piattaforma di scambio, che ha una predilezione per non ottenere le licenze nei mercati in cui opera, ha suscitato l'ira della banca centrale e dei funzionari economici nigeriani quando la valuta fiat del paese, il naira, è crollata all'inizio di quest'anno.

Il governo della Nigeria ha incolpato Binance per il declino e per facilitare transazioni illecite sulla sua piattaforma.

Lo scorso mese, la Commissione per i Crimini Economici e Finanziari ha ottenuto un'ordinanza del tribunale per accedere ai dettagli dei circa 13 milioni di utenti nigeriani di Binance.

Osato Avan-Nomayo è il nostro corrispondente DeFi con sede in Nigeria. Per condividere consigli o informazioni su storie, contattarlo a osato@dlnews.com.

7AL7ZRDKFVA2HIUQKKQO2SKUFE.png