🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
🇮🇹 ITA 🇬🇧 ENG
×

BITCOIN ETF: FLUSSO DI FONDI IN SPOT ETF E CALO DEL PREZZO DI BITCOIN LA FINE DELLA TRAPPOLA DI GBTC: SPOT ETF E RIMBORSI RECORD GBTC SFIDA LE COMMISSIONI PRESSIONE SU GBTC PER RIDURRE LE COMMISSIONI

BITCOIN ETF: FLUSSO DI FONDI IN SPOT ETF E CALO DEL PREZZO DI BITCOIN

LA FINE DELLA TRAPPOLA DI GBTC: SPOT ETF E RIMBORSI RECORD

GBTC SFIDA LE COMMISSIONI

PRESSIONE SU GBTC PER RIDURRE LE COMMISSIONI

Giorno: 18 gennaio 2024 | Ora: 20:42 BITCOIN ETF: FLUSSO DI FONDI IN SPOT ETF E CALO DEL PREZZO DI BITCOIN Dopo l'approvazione da parte dei regolatori statunitensi dei bitcoin ETF, sono stati investiti circa 3 miliardi di dollari lordi in spot ETF di bitcoin e il prezzo di bitcoin è sceso del 9%. Il calo di bitcoin è scomodo per i promotori delle criptovalute che avevano affermato che gli spot ETF avrebbero rappresentato un momento di svolta per le criptovalute, anche se hanno molte scuse prese in prestito dal tradfi: prendere profitto, meglio viaggiare che arrivare, comprare la voce e vendere la notizia, ecc. SPOT ETF E LA FINE DELLA TRAPPOLA DI GBTC Una spiegazione più semplice riguarda Grayscale Bitcoin Trust (GBTC), un deposito pubblico di bitcoin che ha guidato la campagna per la legalizzazione degli spot ETF negli Stati Uniti. GBTC aveva operato fin dal 2017 come una trappola per bitcoin: chiunque avesse bitcoin poteva darli a Grayscale Investments in cambio di azioni negoziate fuori mercato nel fondo fiduciario, ma non c'era modo di ottenere nuovamente i bitcoin. La scorsa settimana GBTC si è convertita in un ETF, dando ai suoi sostenitori la prima opportunità di reclamare i circa 28 miliardi di dollari di bitcoin che aveva raccolto. E nei quattro giorni successivi all'approvazione degli spot ETF, i rimborsi di GBTC hanno superato i 1,6 miliardi di dollari. È consuetudine del settore supporre che tutte le monete in precedenza intrappolate in GBTC siano state riallocate in ETF più economici, il che significa che l'afflusso netto al lancio si riduce a circa 1,4 miliardi di dollari, ma la riallocazione dei fondi non dovrebbe influenzare il prezzo di bitcoin; non c'è una pressione di vendita netta. Tuttavia, è anche possibile che alcuni azionisti di GBTC vogliano semplicemente incassare. E sebbene sia sciocco trarre conclusioni da soli quattro giorni di dati, è interessante notare che i rimborsi di GBTC di martedì hanno superato gli afflussi totali di tutti gli altri spot ETF statunitensi. LA SFIDA DI GBTC: RIDURRE LE COMMISSIONI Ecco un grafico di JPMorgan, il cui analista Nikolaos Panigirtzoglou prevede che l'eccesso di azionisti di GBTC intrappolati in precedenza rimarrà ancora per un po': "Sembra che gli investitori di GBTC che nel corso dell'ultimo anno avevano acquistato il fondo GBTC a uno sconto significativo rispetto al NAV per posizionarsi per la sua eventuale conversione in ETF, abbiano preso tutti i profitti dopo la conversione in ETF uscendo completamente dallo spazio bitcoin anziché spostarsi verso ETF di bitcoin spot più economici. Avevamo stimato in precedenza che fino a 3 miliardi di dollari fossero stati investiti in GBTC sul mercato secondario nel corso del 2023 per approfittare dello sconto sul NAV. Se l'ipotesi precedente dei 3 miliardi di dollari si dimostra corretta e dato che 1,5 miliardi di dollari sono già stati riscattati, potrebbero ancora uscire dallo spazio bitcoin altri 1,5 miliardi di dollari attraverso il prendere profitti su GBTC, mettendo quindi ulteriore pressione sui prezzi di bitcoin nelle prossime settimane." Qualunque sia il motivo degli ultimi giorni di 1,5 miliardi di dollari di uscite da GBTC, queste uscite stanno mettendo pressione su GBTC per abbassare le sue commissioni. La commissione di GBTC, pari all'1,5%, sembra ancora troppo alta rispetto ad altri ETF di bitcoin spot, rischiando ulteriori fuoriuscite anche se per alcuni investitori istituzionali le commissioni non sono l'unico

Descrizione dell'immagine
Descrizione dell'immagine
Descrizione dell'immagine
Descrizione dell'immagine
Descrizione dell'immagine

Read more