🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
🇮🇹 ITA 🇬🇧 ENG
×

BITCOIN SFIDA PREVISIONE FALLITA

BITCOIN SFIDA PREVISIONE FALLITA

Giorno: 15 gennaio 2024 | Ora: 09:22

MIKE HEARN E LA SUA PREVISIONE FALLITA

Otto anni fa, il 14 gennaio 2016, il primo sviluppatore di Bitcoin Mike Hearn dichiarò famosamente di aver venduto tutti i suoi BTC perché la criptovaluta principale aveva "fallito" e sarebbe "andata solo verso il basso" nel lungo termine. Tuttavia, anni dopo, Bitcoin ha sfidato quasi tutte le previsioni cupe del suo primo sviluppatore e ha continuato a prosperare, consolidando il suo status di "oro digitale". Nel suo post del 2016, Hearn disse di aver rinunciato a Bitcoin a causa di preoccupazioni legate alla centralizzazione, alle limitazioni tecniche e alle questioni di governance.

CENTRALIZZAZIONE E LIMITAZIONI TECNICHE

Una delle principali preoccupazioni di Hearn era la centralizzazione del mining di Bitcoin in Cina. Da allora, il panorama è cambiato radicalmente. A seguito della repressione della Cina sul mining di criptovalute, l'industria ha assistito a un massiccio esodo, portando a una rete di mining più geograficamente distribuita e decentralizzata. Questa diversificazione ha placato le paure di guasti e controllo a un punto singolo, rafforzando il principio fondamentale della decentralizzazione nel design di Bitcoin. Hearn ha anche fatto riferimento a varie limitazioni tecniche legate alla dimensione del blocco di Bitcoin. Tuttavia, la comunità ha implementato una soluzione sotto forma del protocollo Segregated Witness (SegWit) un anno dopo, nel 2017. Questo aggiornamento ha aumentato la capacità e l'efficienza dei blocchi, alleviando alcune preoccupazioni legate alla scalabilità. Inoltre, lo sviluppo di soluzioni di secondo livello, in particolare il Lightning Network, ha rivoluzionato le capacità di transazione di Bitcoin, offrendo tempi di transazione più rapidi e commissioni più basse.

GOVERNANCE, CENSURA E ADOZIONE

Un altro motivo principale del distacco di Hearn erano i disaccordi con gli altri sviluppatori principali riguardo la direzione proverbiale che Bitcoin stava prendendo. Hearn voleva aumentare la dimensione del blocco di Bitcoin, ma gli altri sviluppatori principali erano contrari all'idea. Ha parlato dell'impasse nel suo post e ha detto che avrebbe portato a censura e centralizzazione. Tuttavia, nel corso degli anni, la comunità di Bitcoin si è decentralizzata, sparsi su diversi forum e social media. La crescita di media indipendenti focalizzati sulle criptovalute ha anche contribuito significativamente alla trasparenza e al libero flusso di informazioni nell'industria. Nel frattempo, le previsioni cupe di Hearn riguardo all'incapacità di Bitcoin di raggiungere una diffusione mainstream stanno diventando sempre meno probabili, poiché anche le istituzioni hanno cominciato a fare i primi passi nel mondo delle criptovalute. Contrariamente alla prospettiva cupa, il percorso di Bitcoin negli ultimi otto anni ha visto un aumento dell'adozione istituzionale e del riconoscimento come un legittimo asset finanziario. Importanti istituzioni finanziarie e aziende hanno integrato Bitcoin nei loro portafogli e servizi, mentre i paesi che affrontano instabilità economica si sono rivolti a esso come a un sistema finanziario alternativo. Mentre Bitcoin continua verso l'adozione mainstream, il digital asset rimane oggetto di un intenso dibattito e speculazione. Le sfide evidenziate da Hearn non sono state completamente eliminate, ma sono state affrontate con soluzioni innovative e un approccio di sviluppo e governance guidato dalla comunità.

123b7b2a1fdc864cca257917b101c374bc9f71b9.jpg