🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🔵DISINFLAZIONE IN CALO, TAGLI TASSI

🔵DISINFLAZIONE IN CALO, TAGLI TASSI

Giorno: 03 aprile 2024 | Ora: 21:49 La Governor della Federal Reserve, Adriana Kugler, ha affermato che prevede un ulteriore calo dell'inflazione quest'anno a causa della riduzione delle spese delle famiglie e delle imprese, nonché del miglioramento dell'offerta di beni e servizi. Ha sottolineato che, se queste tendenze proseguiranno, saranno appropriate delle riduzioni dei tassi di interesse nel corso dell'anno. Tuttavia, ha anche affermato che i dati sull'inflazione di gennaio e febbraio presentavano alcuni fattori atipici o stagionali che richiedono cautela nella valutazione della situazione. Inoltre, ha previsto un rallentamento della crescita dei consumi, poiché le famiglie esauriranno i risparmi accumulati durante la pandemia e si troveranno di fronte a condizioni finanziarie restrittive.

INFLAZIONE IN CALO E TAGLI AI TASSI DI INTERESSE

  • La governatrice della Federal Reserve, Adriana Kugler, afferma di prevedere una continuazione del trend disinflazionistico quest'anno.
  • La riduzione della spesa da parte delle famiglie e delle imprese, insieme al miglioramento dell'offerta di beni e servizi, contribuiranno a questa tendenza.
  • Kugler ritiene che, se le condizioni di disinflazione e del mercato del lavoro procedono come previsto, saranno appropriate riduzioni dei tassi di interesse quest'anno.
  • Non ha fornito indicazioni sul momento o sull'entità dei tagli che si aspetta.
  • Attualmente il tasso di interesse della Fed è del 5,25-5,50% e la maggior parte dei funzionari prevede tre tagli di un quarto di punto percentuale entro la fine del 2024.
  • Kugler ha osservato che i dati sull'inflazione di gennaio e febbraio mostrano un leggero aumento, ma che ci sono fattori atipici o stagionali che suggeriscono di trattenere il giudizio.
  • La governatrice ritiene che ci sia ancora "un po' di spazio" per migliorare l'offerta e rallentare l'aumento dei prezzi, soprattutto nel settore dei servizi, dove la crescita solida dell'offerta di lavoro continuerà a ridurre le pressioni salariali e inflazionistiche.
  • Allo stesso tempo, si prevede un rallentamento della domanda, con una crescita del consumo più lenta quest'anno a causa del consumo dei risparmi accumulati durante la pandemia e delle "condizioni finanziarie restrittive".
LYNXNPEK320VE_L.jpg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,

Read more