🖲️SUPERCHART 🧮CRYPTOMAP 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
🇮🇹 ITA 🇬🇧 ENG
× 📱 DOWNLOAD APP OUR SERVICE UPGRADE REPORTS

🖥️FUTURES ALLUMINIO IN CALO SOTTO 2.550 DOLLARI

🖥️FUTURES ALLUMINIO IN CALO SOTTO 2.550 DOLLARI

Giorno: 11 giugno 2024 | Ora: 18:39 I futures dell'alluminio hanno continuato a diminuire fino a scendere sotto i 2.550 dollari per tonnellata a giugno, il livello più basso del mese, a causa di segnali di una debole domanda nel principale consumatore Cina che hanno compensato le preoccupazioni recenti per una minore offerta. I dati ufficiali PMI hanno indicato un'inattesa contrazione dell'attività manifatturiera in Cina a maggio, amplificata da una forte frenata delle importazioni che sottolinea la debolezza dei consumatori cinesi e le prospettive negative per l'impatto del sostegno economico di Pechino. Tuttavia, i rischi per l'offerta hanno mantenuto i prezzi il 14% più alti dall'inizio del secondo trimestre. La carenza di gas ha spinto il gigante minerario Rio Tinto a dichiarare la forza maggiore sulle forniture di alluminio dai suoi stabilimenti australiani, sollevando preoccupazioni sulla disponibilità del metallo del materiale chiave del secondo produttore mondiale. Ciò si aggiunge alle preoccupazioni per una produzione insufficiente dopo le incerte condizioni meteorologiche nella regione cinese di Yunnan, principale area di produzione, che minacciano la disponibilità di energia idroelettrica per i produttori.

Aluminum futures continued to decline, falling below $2,550 per ton in June, the lowest level of the month, due to signs of weak demand in China, the largest consumer of the metal, which offset recent concerns over reduced supply. Official PMI data indicated an unexpected contraction in manufacturing activity in China in May, exacerbated by a sharp slowdown in imports, highlighting the weakness of Chinese consumers and negative prospects for the impact of Beijing's economic support. However, supply risks have kept prices 14% higher since the beginning of the second quarter. Gas shortages have led mining giant Rio Tinto to declare force majeure on aluminum supplies from its Australian plants, raising concerns about the availability of the key material for the world's second-largest producer. This adds to concerns over inadequate production due to uncertain weather conditions in the Chinese region of Yunnan, the main production area, which threaten the availability of hydroelectric power for producers.

Read more