🔥BREAK 🍊BITCOIN ⭕️ALTS 📊MACRO 🧮%MAP
PREMIUM REPORT (5%OFF)

🔵I RENDIMENTI DEI BUND DELL'AREA EURO SI AVVICINANO AI LIVELLI PIÙ ALTI DA 11 SETTIMANE

🔵I RENDIMENTI DEI BUND DELL'AREA EURO SI AVVICINANO AI LIVELLI PIÙ ALTI DA 11 SETTIMANE

Giorno: 13 febbraio 2024 | Ora: 10:19 Il rendimento del Bund di riferimento nella zona euro è aumentato martedì, avvicinandosi ai livelli più alti degli ultimi 11 settimane, in vista dei cruciali dati sull'inflazione negli Stati Uniti, mentre gli investitori hanno recentemente ridotto le aspettative di future riduzioni dei tassi di interesse. Le dichiarazioni dei responsabili delle politiche monetarie sia negli Stati Uniti che in Europa, che hanno avvertito che le banche centrali devono essere prudenti nel mitigare la politica monetaria, hanno portato gli investitori a ridurre le scommesse sulle riduzioni dei tassi di interesse a circa 120 punti base nel 2024, rispetto ai 150 punti base alla fine di gennaio. L'anno scorso, il rendimento del Bund tedesco a 10 anni ha raggiunto il suo livello più alto dal 1° dicembre. Gli analisti hanno previsto che il tasso di inflazione negli Stati Uniti diminuirà a causa di un effetto di base. Gli investitori rimarranno concentrati sui dati economici statunitensi, che potrebbero fornire indizi sul percorso della politica monetaria.

I RENDIMENTI DEI BUND DELL'AREA EURO SI AVVICINANO AI LIVELLI PIÙ ALTI DA 11 SETTIMANE

Il rendimento dei benchmark Bund dell'area euro è aumentato martedì, avvicinandosi ai livelli più alti da quasi 11 settimane, in vista dei cruciali dati sull'inflazione negli Stati Uniti, poiché gli investitori hanno recentemente ridotto le aspettative per i futuri tagli dei tassi.

I RISCHI DELLE POLITICHE MONETARIE ESPANSIVE

Le osservazioni dei responsabili delle politiche monetarie sia da un lato che dall'altro dell'Atlantico, che avvertono che le banche centrali devono essere prudenti nel facilitare la politica monetaria, hanno portato gli investitori a ridurre le scommesse sui tagli dei tassi di interesse a circa 120 punti base (bps) nel 2024, rispetto ai 150 bps alla fine di gennaio.

LE DICHIARAZIONI DI FABIO PANETTA SULLA POLITICA MONETARIA DELLA BCE

Lunedì, il responsabile delle politiche monetarie della BCE, Fabio Panetta, tra i membri più accomodanti del comitato, ha dichiarato che il momento di invertire la posizione della banca si avvicinava rapidamente, ma potrebbe essere necessario avere ulteriori dati deboli per consolidare tale visione sul mercato.

I RENDIMENTI DEL BUND TEDESCO E LE PROSPETTIVE DI CRESCITA IN GERMANIA

Il rendimento del Bund tedesco a 10 anni, il benchmark dell'area euro, è salito dello 0,5 punto base al 2,37%. Ha toccato il 2,39% venerdì scorso, il suo livello più alto dal 1° dicembre. Il capo di gabinetto di Olaf Scholz, Wolfgang Schmidt, ha dichiarato martedì che la Germania non è in recessione e si prevede che la sua economia cresca nel 2024.

LE ASPETTATIVE SULL'INFLAZIONE STATUNITENSE

Gli analisti sostengono che il tasso di inflazione annuo negli Stati Uniti diminuirà a causa di un effetto di base, poiché a gennaio 2023 c'è stato un aumento dello 0,5% nel mese. "Se otteniamo l'atteso 0,3% (nell'inflazione di base), dubito che ci possa essere una reazione positiva", ha affermato Padhraic Garvey, responsabile regionale della ricerca nelle Americhe. "Perché il mercato possa suscitare una reazione positiva alla inevitabile diminuzione dei tassi annui, è necessario un risultato mensile dello 0,2% per l'inflazione di base", ha aggiunto Garvey.

I DATI SUI TAGLI DEI TASSI DI INTERESSE NEGLI STATI UNITI

I mercati attualmente prevedono una probabilità del 50% di un taglio dei tassi a maggio, secondo lo strumento FedWatch di CME Group. Gli investitori rimarranno concentrati sui dati statunitensi, che potrebbero fornire indizi sul percorso delle politiche monetarie mentre attendono ulteriori dati economici. L'indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti di gennaio è previsto in uscita più tardi martedì, mentre l'indice dei prezzi alla produzione è programmato per venerdì. Altri dati alla fine della settimana includono le vendite al dettaglio e l'indagine sui consumatori dell'Università di Michigan.