🔥BREAK 🍊BITCOIN ⭕️ALTS 📊MACRO 🧮%MAP
PREMIUM REPORT (5%OFF)

⚫️IL DOLLARO ATTENDE I DATI

⚫️IL DOLLARO ATTENDE I DATI

Giorno: 12 febbraio 2024 | Ora: 04:21 L'indice del dollaro è rimasto stabile intorno a 104 lunedì, in attesa dei dati sull'inflazione dei consumatori degli Stati Uniti che verranno pubblicati martedì. Venerdì scorso, il dollaro ha subito pressioni a causa di dati rivisti che hanno mostrato un aumento più contenuto dell'indice dei prezzi al consumo per dicembre. Secondo il BLS, l'indice è aumentato dello 0,2% su base mensile, leggermente inferiore alla stima iniziale dello 0,3%. Tuttavia, l'indice dei prezzi al consumo di base è rimasto invariato allo 0,3%. Questi dati confermano una tendenza disinflazionistica nell'ultimo anno e rafforzano le scommesse "dovish" sulla politica monetaria della Federal Reserve. I mercati vedono ancora una piccola possibilità di un taglio dei tassi di interesse della Fed a marzo, ma prevedono un'azione a maggio. I trader si concentrano anche sui dati sulle vendite al dettaglio di giovedì e sui dati sull'inflazione dei produttori di venerdì, oltre alle dichiarazioni di almeno sette funzionari della Fed questa settimana.

IL DOLLARO SI MANTIENE INTORNO A 104

Ieri l'indice del dollaro è rimasto stabile intorno a 104 mentre gli investitori attendono con cautela i dati sull'inflazione dei consumatori degli Stati Uniti che saranno pubblicati domani per avere indicazioni sulla possibile traiettoria dei tassi di interesse.

IL DOLLARO AMERICANO SI È DEPREZZATO

Venerdì il dollaro americano è stato sotto pressione in seguito alla pubblicazione dei dati rivisti che hanno mostrato un aumento più contenuto dell'indice dei prezzi al consumo (CPI) per il mese di dicembre.

AUMENTO DEL CPI PIÙ BASSO RISPETTO AL PRECEDENTE RAPPORTO

Secondo il BLS, l'indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato dello 0,2% su base mensile, leggermente inferiore al rapporto iniziale dello 0,3%.

IL CPI DI BASE RIMANE INALTERATO

Il CPI di base è rimasto invariato al 0,3%.

LA TENDENZA DEFLAZIONISTICA SI CONFERMA

Questi dati confermano una tendenza deflazionistica nell'ultimo anno e rafforzano le scommesse sulle politiche monetarie accomodanti della Federal Reserve.

POSSIBILE TAGLIO DEI TASSI DI INTERESSE

I mercati ancora vedono una piccola possibilità di un taglio dei tassi di interesse della Fed a marzo, ma stanno prezzando un movimento a maggio.

ATTESA PER I DATI DELLE VENDITE AL DETTAGLIO E DELL'INFLAZIONE PRODUTTORE

I trader si stanno anche preparando per la pubblicazione dei dati sulle vendite al dettaglio giovedì e sui prezzi all'ingrosso venerdì, oltre a prendere in considerazione i commenti di almeno sette funzionari della Fed questa settimana.