🧮CRYPTOMAP 🧮STOCKMAP 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
× 📱 DOWNLOAD APP OUR SERVICE

⚫️IL PREZZO DEL PETROLIO SCENDE

⚫️IL PREZZO DEL PETROLIO SCENDE

Giorno: 4 marzo 2024 | Ora: 22:07 Il prezzo del petrolio WTI è sceso a 78,7 dollari al barile dopo che l'OPEC e i suoi alleati hanno deciso di prolungare i tagli volontari alla produzione fino alla fine di giugno. Arabia Saudita, Russia, Iraq e Emirati Arabi Uniti hanno tutti annunciato riduzioni nella loro produzione di petrolio. Nonostante la decisione fosse attesa, gli analisti hanno notato che non ha offerto sorprese. Inoltre, le tensioni geopolitiche in Medio Oriente hanno aggiunto un premio di rischio ai prezzi del petrolio.

IL PREZZO DEL WTI CRUDE SCENDE A $78,7 AL BARILE

Il prezzo del petrolio WTI è sceso a $78,7 al barile lunedì, dopo un aumento del 4,5% la settimana scorsa, in seguito all'accordo dell'OPEC e dei suoi alleati di estendere i tagli volontari alla produzione fino alla fine di giugno.

L'ACCORDO DI ESTENSIONE DEI TAGLI ALLA PRODUZIONE

La caduta del prezzo è avvenuta dopo che l'OPEC e i suoi alleati hanno concordato di estendere i tagli volontari alla produzione fino alla fine di giugno.

L'ARABIA SAUDITA PROLUNGA I TAGLI ALLA PRODUZIONE

L'Arabia Saudita, leader de facto dell'OPEC, ha annunciato che prolungherà il suo taglio volontario di 1 milione di barili al giorno.

LA RUSSIA RIDUCE LA PRODUZIONE E LE FORNITURE DI ESportAZIONE

Anche la Russia si è impegnata a ridurre la produzione e le forniture di esportazione di un totale di 471.000 barili al giorno.

IRAQ E GLI EMIRATI ARABI UNITI CONTINUANO A RIDURRE LA PRODUZIONE

Inoltre, l'Iraq e gli Emirati Arabi Uniti hanno accettato di continuare a ridurre la produzione rispettivamente di 220.000 e 163.000 barili al giorno fino alla fine di giugno.

NESSUNA SORPRESA NELLA DECISIONE

Nonostante la decisione fosse ampiamente prevista, gli analisti hanno notato che non ha offerto sorprese.

INCERTEZZA NEL MEDIO ORIENTE AGGIUNGE UN PREMIO DI RISCHIO AI PREZZI DEL PETROLIO

Nel Medio Oriente, l'incertezza in merito ai colloqui di cessate il fuoco tra Israele e Hamas, così come gli attacchi degli Houthi al traffico marittimo nel Mar Rosso, hanno aggiunto un premio di rischio ai prezzi del petrolio.