🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

⚫️INCERTEZZA SUI TASSI DI INTERESSE

⚫️INCERTEZZA SUI TASSI DI INTERESSE

Giorno: 03 aprile 2024 | Ora : 14:18 I futures dei principali indici statunitensi prevedono un'apertura al ribasso mercoledì, con le azioni che probabilmente vedranno ulteriori perdite a seguito del forte calo registrato nella sessione precedente. Le preoccupazioni che la Federal Reserve possa rinunciare a ridurre i tassi di interesse potrebbero continuare a pesare sui mercati a seguito dei dati economici statunitensi più positivi. Il rapporto di ADP, un processore di paghe, mostra una crescita dell'occupazione nel settore privato statunitense superiore alle aspettative nel mese di marzo. Il rendimento dei titoli del Tesoro è aumentato a seguito dei dati, con il rendimento del decennale che ha raggiunto un massimo di quattro mesi. Inoltre, le azioni di Intel sono in calo del 5,2% nel pre-mercato dopo aver annunciato una perdita operativa di $7 miliardi entro il 2023, più ampia rispetto all'anno precedente. DOW JONES FUTURES INDICANO UN'APERTURA AL RIBASSO: I futures dei principali indici statunitensi indicano un'apertura al ribasso mercoledì, con le azioni che potrebbero subire ulteriori perdite a seguito del brusco calo registrato nella sessione precedente. PREOCCUPAZIONI PER LA FED: Le preoccupazioni che la Federal Reserve possa rinunciare a abbassare i tassi di interesse potrebbero continuare a pesare sui mercati a seguito della pubblicazione di dati economici statunitensi più positivi del previsto. CRESCITA DEI POSTI DI LAVORO NEL SETTORE PRIVATO STATUNITENSE: La società di elaborazione delle paghe ADP ha pubblicato un rapporto questa mattina che mostra una crescita più forte del previsto dell'occupazione nel settore privato negli Stati Uniti nel mese di marzo. ADP ha dichiarato che l'occupazione nel settore privato è aumentata di 184.000 posti di lavoro a marzo, dopo essere aumentata di 155.000 posti di lavoro a febbraio, rivisti al rialzo. Gli economisti si aspettavano un aumento dell'occupazione nel settore privato di 148.000 posti di lavoro rispetto all'aggiunta di 140.000 posti di lavoro originariamente segnalata per il mese precedente. Il rapporto ha anche evidenziato che il tasso annuale di crescita dei salari per i cambi di lavoro è aumentato in modo significativo al 10,0% a marzo. "L'inflazione si sta raffreddando, ma i nostri dati mostrano che i salari si stanno riscaldando sia nei beni che nei servizi", ha dichiarato l'economista capo di ADP Nela Richardson. RISALGONO I RENDIMENTI DEL TESORO: I rendimenti dei titoli di stato sono aumentati a seguito della pubblicazione dei dati, con il rendimento del titolo a dieci anni che ha registrato ulteriori guadagni dopo aver chiuso martedì a un massimo di quattro mesi. INTEL IN CALO: Un brusco calo delle azioni di Intel potrebbe pesare anche su Wall Street, poiché il gigante dei semiconduttori sta crollando del 5,2% nelle contrattazioni pre-market. LE DICHIARAZIONI DI JEROME POWELL ATTIRANO L'ATTENZIONE: L'attività di trading potrebbe essere relativamente tranquilla, poiché gli operatori si preparano alle dichiarazioni del presidente della Federal Reserve Jerome Powell nel pomeriggio. BRUSCO CALO DELLE AZIONI: Dopo essere scese bruscamente all'inizio della sessione, le azioni continuano a mostrare una notevole debolezza durante la giornata di martedì. Dow e S&P 500 si sono aggiunti alle perdite di lunedì, allontanandosi ulteriormente dai massimi di chiusura record raggiunti lo scorso giovedì. I principali indici hanno chiuso la sessione al di sotto dei minimi della giornata ma saldamente in territorio negativo. Il Dow è sceso di 396,61 punti o dell'1,0% a 39.170,24, il Nasdaq è sceso di 156,38 punti o dell'1,0% a 16.240,45 e l'S&P 500 è sceso di 37,96 punti o dello 0,7% a 5.205,81. INIZIAZIONE DI UNA NUOVA FASE DI INCERTEZZA: Il calo iniziale di Wall Street riflette in parte l'incertezza rinnovata sulle prospettive dei tassi di interesse mentre gli operatori digeriscono i recenti dati economici statunitensi. I dati sull'inflazione molto attesi di venerdì scorso, combinati con i dati sulla produzione manifatturiera più forti del previsto di lunedì, hanno sollevato dubbi sul fatto che la Federal Reserve ridurrà i tassi a giugno. I rendimenti dei titoli di stato sono aumentati in reazione ai dati di lunedì e hanno registr