🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🔵INFLAZIONE SVIZZERA AL MINIMO

🔵INFLAZIONE SVIZZERA AL MINIMO

Giorno: 4 aprile 2024 | Ora : 08:40 L'inflazione in Svizzera è scesa al livello più basso degli ultimi due anni e mezzo a marzo, supportando la decisione della Banca Nazionale Svizzera di tagliare i tassi di interesse per la prima volta dal 2015. I prezzi al consumo sono aumentati dell'1% rispetto a marzo 2022, il tasso più basso da settembre 2021. L'inflazione è rimasta entro il target dell'0-2% della SNB per il decimo mese consecutivo. La deflazione è stata causata dal forte franco e dalla riduzione dei prezzi degli importati del 1,3% a marzo. La SNB prevede che l'inflazione rimarrà bassa nei prossimi anni e gli analisti si aspettano ulteriori tagli dei tassi nel corso dell'anno.

INFLAZIONE SVIZZERA AI MINIMI DA DUE ANNI E MEZZO

  • L'inflazione svizzera è scesa al livello più basso degli ultimi due anni e mezzo a marzo, supportando la decisione della Banca Nazionale Svizzera di tagliare i tassi di interesse il mese scorso.
  • I prezzi al consumo sono aumentati dell'1% rispetto a marzo 2023, il tasso più basso da settembre 2021 e in calo rispetto all'1,2% di febbraio.
  • È il decimo mese consecutivo in cui l'inflazione si è mantenuta all'interno dell'obiettivo del 0-2% della BNS.
  • La Svizzera è stata protetta dall'inflazione grazie al franco forte, con un calo del 1,3% dei prezzi delle importazioni nel mese di marzo.
  • I costi dei prodotti alimentari, dei ristoranti e degli alberghi sono diminuiti.
  • La BNS ha tagliato il suo tasso chiave al 1,5% a marzo e ha dichiarato di prevedere un'inflazione bassa nei prossimi anni.
  • Analisti intervistati da Reuters si aspettano ulteriori tagli dei tassi quest'anno.
  • La situazione dell'inflazione a maggio sarà presa in considerazione dalla BNS prima di decidere cosa fare con i tassi a giugno.
  • La BNS terrà conto anche delle decisioni della BCE e della Fed. Se taglieranno i tassi, ci sarà una maggiore probabilità che la BNS faccia lo stesso per evitare che il franco si apprezzi di nuovo.
  • Un altro mese di bassa inflazione rassicurerà la BNS sulla correttezza del taglio dei tassi, ma è ancora troppo presto per influenzare la prossima decisione di politica monetaria a giugno.
  • L'economista UBS Maxime Botteron si aspetta che la BNS tagli i tassi al 1,25% a giugno e all'1% a settembre.
LYNXNPEK33065_L.jpg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,