🔥BREAK 🍊BITCOIN ⭕️ALTS 📊MACRO 🧮%MAP
UNISCITI AL GRUPPO TELEGRAM GRATUITO DI TRADING !

🔵LA PROSPETTIVA A LUNGO TERMINE SULLA RIDUZIONE DELLA BREADTH DI MERCATO

🔵LA PROSPETTIVA A LUNGO TERMINE SULLA RIDUZIONE DELLA BREADTH DI MERCATO

Giorno: 11 febbraio | Ora: 15:26 Il rally del mercato azionario statunitense sembra essere guidato solo da un gruppo ristretto di azioni, sollevando preoccupazioni che i recenti guadagni possano invertire se i leader del mercato inciampano. Mentre l'S&P 500 ha raggiunto nuovi massimi, le statistiche mostrano che il numero di azioni che partecipano al rally è diminuito. Ad esempio, solo il 62% delle azioni a grande capitalizzazione si trova sopra la media mobile a 50 giorni. I cosiddetti "Magnificent Seven", che includono aziende come Meta Platforms, Apple e Amazon, hanno contribuito per quasi il 60% ai guadagni dell'S&P 500. Tuttavia, alcuni investitori ritengono che la riduzione della partecipazione sia dovuta alla previsione che la Federal Reserve taglierà i tassi di interesse più tardi del previsto. Nonostante ciò, ci sono anche argomenti a favore di rimanere con le più grandi aziende del mercato, che spesso hanno una crescita superiore alla media e solidi bilanci. LA PREOCCUPAZIONE PER LA RIDUZIONE DELLA BREADTH DI MERCATO

La market breadth, ovvero il numero di azioni che partecipano alla crescita di un indice più ampio, è spesso considerata un segnale positivo dagli investitori, poiché indica che i guadagni non dipendono da un piccolo gruppo di titoli. Nel corso del 2023, la market breadth è stata limitata, con il rialzo del 24% dell'S&P 500 guidato principalmente dai cosiddetti Magnificent Seven, un gruppo di grandi aziende tra cui Meta Platforms, Apple e Amazon. La situazione è migliorata alla fine dell'anno, ma alcune misure mostrano una nuova riduzione nel 2024. Ad esempio, sebbene l'S&P 500 sia salito del 5,4% e abbia chiuso venerdì a un nuovo massimo storico, la media mobile a 10 giorni delle azioni del New York Stock Exchange e del Nasdaq che hanno raggiunto nuovi massimi ha raggiunto il livello più basso da luglio, secondo i dati di Hi Mount Research.

LA CRESCENTE DIPENDENZA DAI GRANDI NOMI

Allo stesso tempo, solo il 62% delle azioni a grande capitalizzazione si trovava sopra la media mobile a 50 giorni alla chiusura di giovedì, rispetto all'87% di dicembre, secondo i dati di Thrasher Analytics. Nel frattempo, i Magnificent Seven hanno contribuito a quasi il 60% dell'aumento dell'S&P 500 quest'anno, secondo Dow Jones Indices. Questa dipendenza da un piccolo gruppo di titoli potrebbe rendere il mercato più vulnerabile a brusche diminuzioni se i principali titoli del mercato deludono sul fronte dei guadagni o se si verificano altri problemi. Alcuni investitori ritengono che la riduzione della breadth sia in parte dovuta al fatto che i mercati prevedono ora che la Federal Reserve ridurrà i tassi più tardi nell'anno rispetto a quanto molti a Wall Street si aspettavano, costringendo a liquidare le posizioni in settori sensibili ai tassi che potrebbero beneficiare di costi di finanziamento più bassi.

LA SPERANZA DEL TAGLIO DEI TASSI DELLA FED

Ad esempio, il settore immobiliare dell'S&P 500 è in calo del 4,4% dall'inizio dell'anno a causa delle preoccupazioni per il settore immobiliare commerciale. L'indice Russell 2000 delle piccole aziende è in calo dello 0,8%. Secondo Ed Clissold, chief U.S. strategist presso Ned Davis Research, "si è assistito a un grande rialzo in alcuni settori del mercato che erano stati venduti in eccesso, in previsione del fatto che la Fed si sarebbe mossa rapidamente nel 2024 per tagliare i tassi. Ora che il mercato ha cambiato posizione, le persone stanno ripensando a quanto questi settori che erano stati penalizzati dovrebbero rialzarsi". Il presidente della Fed, Jerome Powell, ha smentito le speranze di tagli dei tassi già alla riunione di marzo, affermando che la banca centrale aveva bisogno di maggiore fiducia che l'inflazione stesse tornando verso il suo obiettivo del 2%.

LA PROSPETTIVA A LUNGO TERMINE

Nonostante le preoccupazioni sulla riduzione della market breadth, alcuni strateghi ritengono che una visione a lungo termine mostri che più titoli hanno effettivamente partecipato al rialzo. Secondo gli analisti di Yardeni Research, più della metà delle oltre 100 sotto-industrie dell'S&P 500 è in rialzo del 20% o più dal momento in cui è iniziato l'attuale mercato rialzista nell'ott

s-and-p-500.svg
meta-platforms.svg
apple.svg
amazon.svg
alphabet.svg
alphabet.svg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,

Read more