🧮CRYPTOMAP 🧮STOCKMAP 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
× 📱 DOWNLOAD APP OUR SERVICE

⚫️MERCATI STABILI, FOCUS SUGLI INVENTARI

⚫️MERCATI STABILI, FOCUS SUGLI INVENTARI

Giorno: 05 marzo 2024 | Ora: 12:35 I prezzi del petrolio si sono stabilizzati martedì, con i futures del WTI che si mantengono stabili a $78,8 al barile, mentre gli investitori bilanciano i tagli della produzione dell'OPEC+ con le preoccupazioni persistenti sulla domanda. Nonostante l'annuncio della Cina di un obiettivo di crescita economica del 5% per il 2024, in linea con l'anno precedente, i mercati sono rimasti scettici a causa della mancanza di misure di stimolo sostanziali. Inoltre, le incertezze riguardanti i cambiamenti dei tassi di interesse nelle principali economie hanno aumentato le apprensioni del mercato. Nel frattempo, i principali produttori di petrolio, tra cui Arabia Saudita, Russia, Iraq e Emirati Arabi Uniti, hanno esteso i tagli volontari alla produzione di petrolio nel secondo trimestre. Ora l'attenzione si sposta sui prossimi rapporti sugli inventari degli Stati Uniti, che si prevede mostrino un modesto aumento delle scorte di petrolio greggio insieme a una diminuzione delle scorte di distillati e benzina.

I prezzi del petrolio si sono stabilizzati martedì

Il greggio WTI si è mantenuto stabile a $78,8 al barile mentre gli investitori bilanciano i tagli della produzione dell'OPEC+ con le preoccupazioni persistenti sulla domanda.

I mercati non sono convinti dell'obiettivo di crescita economica della Cina

Nonostante l'annuncio della Cina di un obiettivo di crescita economica del 5% per il 2024, in linea con l'anno precedente, i mercati rimangono scettici a causa della mancanza di misure di stimolo sostanziali.

Incertezze sulle modifiche dei tassi di interesse nelle principali economie

Inoltre, le incertezze sulle modifiche dei tassi di interesse nelle principali economie hanno alimentato le preoccupazioni di mercato.

I principali produttori di petrolio estendono i tagli volontari della produzione

Nel frattempo, i principali produttori di petrolio, tra cui Arabia Saudita, Russia, Iraq e Emirati Arabi Uniti, hanno esteso i tagli volontari alla produzione di petrolio fino al secondo trimestre.

L'attenzione si sposta ora sui prossimi rapporti sugli inventari degli Stati Uniti

Si prevede che i rapporti mostrino un modesto aumento delle scorte di petrolio greggio insieme a una diminuzione delle scorte di distillati e benzina.