🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

🔵MINACCE SANZIONI RIDUCONO COMMERCIO CINA-RUSSIA

🔵MINACCE SANZIONI RIDUCONO COMMERCIO CINA-RUSSIA

Giorno: 04 aprile 2024 | Ora: 14:21 L'imposizione di sanzioni secondarie sta scoraggiando le banche cinesi dal facilitare il commercio con la Russia, portando le aziende a rivolgersi all'unico istituto russo con una filiale in Cina, VTB Bank, ma affrontando ritardi fino a sei mesi. Le sanzioni statunitensi stanno causando problemi anche a imprese russe per quanto riguarda i pagamenti per le esportazioni di petrolio e carburante in Cina, Turchia e Emirati Arabi Uniti. La presenza limitata di VTB Bank in Cina e la grande domanda stanno creando un collo di bottiglia, con aziende che devono aspettare fino a sei mesi per aprire un conto. La mancanza di alternative di pagamento sta mettendo a dura prova le aziende e mostrando come le restrizioni statunitensi possano avere un forte effetto a catena.

MINACCE DI SANZIONI SECONDARIE RIDUCONO IL FLUSSO COMMERCIALE TRA CINA E RUSSIA

  • A causa delle minacce di sanzioni secondarie che scoraggiano le banche cinesi dal facilitare il commercio con la Russia, le aziende stanno affluendo presso l'unica banca russa con una filiale in Cina e affrontando ritardi fino a sei mesi, secondo cinque persone informate sulla questione.
  • Dopo le ampie sanzioni imposte dagli Stati Uniti e da altre nazioni occidentali sul sistema finanziario russo a seguito dell'ingresso dell'esercito russo in Ucraina nel febbraio 2022, le principali banche russe si sono affrettate ad aprire conti in Cina. Alla fine di quell'anno, il 90% delle banche russe aveva conti in yuan presso le banche cinesi.
  • Lo scorso mese, Reuters ha riferito che le compagnie petrolifere russe stanno affrontando ritardi di diversi mesi per essere pagate per le esportazioni di petrolio e carburante poiché le banche in Cina, Turchia e Emirati Arabi Uniti diventano più caute riguardo alle sanzioni secondarie degli Stati Uniti.
  • Questo rischio di sanzioni ha spinto le aziende a cercare rotte di pagamento alternative e ha causato un ingorgo presso la filiale di Shanghai di VTB Bank, hanno detto le fonti. VTB, di proprietà statale, è l'unica banca russa con una filiale completamente operativa in Cina.
  • La fila di potenziali titolari di conto e il personale limitato per gestire la domanda significano che alcune aziende devono aspettare fino a sei mesi per aprire un conto, hanno detto le fonti.
  • Le modalità di pagamento alternative rimangono disponibili, ad esempio attraverso le filiali di piccole banche cinesi in Russia, ma i ritardi mostrano come le restrizioni degli Stati Uniti possano avere un forte effetto a catena.
  • Attualmente, il modo più facile per effettuare pagamenti dalla Cina alla Russia è attraverso un conto aperto presso una filiale di una banca russa in Cina, ha detto una persona del settore bancario.
  • Il problema principale è che solo VTB ha una filiale cinese completamente funzionante, che è stata aperta nel 2008. Sberbank, la principale banca russa, aveva pianificato di aprire una filiale entro la fine del 2023, ma finora non ci è riuscita. La banca privata Alfa Bank ha pianificato di aprire due filiali, ma è ancora agli inizi del processo.
  • I problemi derivano spesso dal gran numero di persone che desiderano fare affari lì, sia aziende russe che grandi imprese cinesi che vogliono fare affari con aziende sotto sanzioni in Russia, ha detto una delle fonti.
  • Un'altra persona coinvolta nei pagamenti ha detto che avere solo una banca russa in Cina sta causando difficoltà, ma che è necessaria pazienza.
  • Essere costretti ad attendere che tutti i documenti vengano elaborati sta causando ritardi fino a sei mesi, ha detto questa persona.
  • Il commercio tra i due paesi è aumentato a un record di 240 miliardi di dollari nel 2023, con la Cina che acquista sempre più petrolio russo e fornisce a Mosca automobili e macchinari in particolare. Ma mentre la Cina e altri paesi asiatici hanno aumentato il commercio con la Russia, gli Stati Uniti hanno cercato di intensificare i deterrenzi.

Già a gennaio gli imprenditori russi hanno iniziato a segnalare problemi di pagamento con le banche cinesi. Ulteriori tre fonti

LYNXNPEK330FC_L.jpg

Source: Yahoo, Bloomberg , Reuters, Trading Economics,

Read more