🖲️SUPERCHART 👨‍🚀M.S.Z🪐 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
×

⚫️PREZZI DEL PETROLIO AL RIALZO

⚫️PREZZI DEL PETROLIO AL RIALZO

Giorno: 03 aprile 2024 | Ora: 13:28 I futures del petrolio greggio WTI sono saliti oltre i 86 dollari al barile, il livello più alto degli ultimi cinque mesi, in seguito a una riunione dei ministri dell'OPEC+, dove la politica di produzione petrolifera è rimasta invariata. L'offerta più limitata, gli attacchi alle infrastrutture energetiche russe e i conflitti in Medio Oriente hanno fatto aumentare i prezzi del petrolio quest'anno. I membri dell'OPEC+, guidati dall'Arabia Saudita e dalla Russia, hanno concordato di prorogare i tagli volontari alla produzione di 2,2 milioni di barili al giorno fino a giugno per stabilizzare il mercato. Nel frattempo, l'Iraq ha promesso di diminuire le esportazioni per compensare il superamento del suo obiettivo OPEC, riducendo le spedizioni di 50.000 barili al giorno a marzo con ulteriori tagli necessari per adempiere all'impegno. Ora, gli operatori si attendono i dati dell'EIA sulle scorte di petrolio statunitensi, con l'API che ha segnalato una diminuzione di 2,2 milioni di barili in linea con le aspettative.

PREZZI DEL PETROLIO AL RIALZO

  • I futures del WTI hanno raggiunto oltre 86 dollari al barile, il valore più alto degli ultimi cinque mesi, a seguito di una riunione dei ministri OPEC+ in cui la politica di produzione petrolifera è rimasta invariata.

SCARSO FABBISOGNO E ATTACCHI ALL'INFRASTRUTTURA ENERGETICA RUSSA

  • La scarsa offerta, gli attacchi all'infrastruttura energetica russa e i conflitti in Medio Oriente hanno fatto salire i prezzi del petrolio quest'anno.

ESTENSIONE DEI TAGLI ALLA PRODUZIONE PETROLIFERA

  • I membri dell'OPEC+, guidati da Arabia Saudita e Russia, hanno concordato di estendere i tagli volontari alla produzione di 2,2 milioni di barili al giorno fino a giugno per stabilizzare il mercato.

FOCUS DELLA RUSSIA SULLA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE

  • La scorsa settimana, il Vice Primo Ministro russo Alexander Novak ha annunciato un focus sulla riduzione della produzione petrolifera nel secondo trimestre per allinearsi agli altri paesi dell'OPEC+.

IRAQ SI IMPEGNA A RIDURRE LE ESPORTAZIONI

  • L'Iraq ha promesso di diminuire le esportazioni per compensare il superamento dell'obiettivo OPEC, riducendo le spedizioni di 50.000 barili al giorno a marzo e prevedendo ulteriori tagli per rispettare l'impegno.

ATTESA DEI DATI SULLA RISERVA DI PETROLIO STATUNITENSE

  • Adesso i trader attendono i dati dell'EIA sulle scorte di petrolio statunitensi, con l'API che ha riportato una diminuzione di 2,2 milioni di barili in linea con le aspettative.

Read more