🔥BREAK 🍊BITCOIN ⭕️ALTS 📊MACRO 🧮%MAP
UNISCITI AL GRUPPO TELEGRAM GRATUITO DI TRADING !

⚫️RENDIMENTI BUND IN GERMANIA: RIBASSO E ASPETTATIVE

⚫️RENDIMENTI BUND IN GERMANIA: RIBASSO E ASPETTATIVE

Giorno: 12 | Ora: 15:11 Il rendimento del Bund decennale tedesco è sceso sotto il 2,34% a seguito di un picco di oltre due mesi al 2,38% il 9 febbraio, poiché i mercati hanno rivalutato il momento e l'entità dei tagli dei tassi che la BCE e la Fed potrebbero effettuare quest'anno. Le difficoltà macroeconomiche crescenti per l'economia tedesca hanno ridotto la margine di manovra della banca centrale nel combattere l'inflazione nella zona euro. La produzione industriale nazionale si è contratta al ritmo più veloce degli ultimi nove mesi a dicembre, mentre i dati PMI di gennaio hanno mostrato che l'attività del settore privato si è contratta per il settimo mese consecutivo. Tuttavia, i responsabili politici hanno temperato le aspettative che la banca centrale possa compromettere la stretta monetaria per far fronte ai rischi di crescita. Infine, il capo economista Lane e il capo della banca centrale belga Wunsch hanno sottolineato la necessità di ulteriori prove che l'inflazione si sta avvicinando all'obiettivo del 2% prima di considerare aggiustamenti dei tassi, nonostante la crescente fiducia nella diminuzione delle pressioni sui prezzi.

RENDIMENTI BUND A 10 ANNI IN GERMANIA

Il rendimento del Bund tedesco a 10 anni è sceso al di sotto del 2,34% dopo aver toccato un massimo di oltre due mesi del 2,38% il 9 febbraio, poiché i mercati hanno rivalutato il momento e l'entità dei tagli dei tassi che la BCE e la Fed potrebbero effettuare quest'anno.

SCENARI MACROECONOMICI AVVERSARI PER L'ECONOMIA TEDESCA

Le crescenti sfide macroeconomiche per l'economia tedesca, la più grande della zona euro, hanno continuato a ridurre la flessibilità che la banca centrale ha per contrastare l'inflazione nella zona valutaria.

CONTRAZIONE DELLA PRODUZIONE INDUSTRIALE INTERNA

La produzione industriale interna è diminuita al ritmo più veloce degli ultimi nove mesi a dicembre, mentre i dati PMI di gennaio hanno mostrato che l'attività del settore privato si è contratta per il settimo mese consecutivo.

LE ASPETTATIVE DELLE POLITICHE MONETARIE

Tuttavia, i responsabili delle politiche monetarie hanno attenuato le aspettative che la banca centrale possa compromettere la stretta monetaria per affrontare i rischi di crescita.

NECESSITÀ DI ULTERIORI EVIDENZE SULL'INFLAZIONE

Infine, il capo economista Lane e il capo della banca centrale belga Wunsch hanno sottolineato la necessità di ulteriori evidenze che l'inflazione si stia avvicinando al target del 2% prima di considerare eventuali aggiustamenti dei tassi, nonostante la crescente fiducia nelle pressioni sui prezzi in diminuzione.