🖲️SUPERCHART 🧮CRYPTOMAP 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
🇮🇹 ITA 🇬🇧 ENG
×

TAGLI AI TASSI DI INTERESSE PREVISTI DAL MILIARDARIO DEGLI HEDGE FUND

TAGLI AI TASSI DI INTERESSE PREVISTI DAL MILIARDARIO DEGLI HEDGE FUND

Giorno: 17 gennaio 2024 | Ora: 03:35

IL MILIARDARIO DEGLI HEDGE FUND BILL ACKMAN PREVEDE TAGLI AI TASSI DI INTERESSE

Bill Ackman, miliardario degli hedge fund e capo di Pershing Square Capital Management, ha recentemente rivelato di aspettarsi che la Federal Reserve inizi a tagliare i tassi di interesse a un ritmo superiore alle aspettative quest'anno, con il primo taglio che arriverà prima di quanto il mercato si aspetti.

Ackman ha evidenziato ciò durante un'intervista a CNBC "Squawk Box", sottolineando il significativo raffreddamento dell'inflazione e il costo reale elevato del denaro attualmente, che lo fa pensare che le banche centrali "dovranno agire in anticipo" e potrebbero "fare più di tre tagli [ai tassi di interesse]."

Questi tre tagli ai tassi di interesse rappresenterebbero 75 punti base, da un tasso di interesse compreso tra il 5,25% e il 5,5%, ha notato Ackman, affermando che questo "non è un movimento significativo" poiché rappresenterebbero una riduzione del 15% dei tassi di interesse.

Secondo le sue parole, questi tagli ai tassi di interesse sarebbero positivi per le azioni "a condizione che abbassino abbastanza velocemente i tassi per evitare una recessione significativa".

MERCATO PREVEDE UN APPROCCIO PIÙ AGGRESSIVO RISPETTO ALLA FEDERAL RESERVE

In contrasto con le indicazioni della Federal Reserve durante la riunione di dicembre di potenziali tre tagli di un quarto di punto percentuale quest'anno, le aspettative del mercato sono inclini a un approccio più aggressivo. I trader nel mercato dei futures sui fondi federali stanno prezzando sei tagli quest'anno, con una probabilità dell'83% che il primo taglio avvenga a marzo, basandosi sullo strumento FedWatch di CME Group.

Tuttavia, questa visione di mercato aggressiva non è universalmente accettata. Larry Fink, CEO del più grande asset manager al mondo, BlackRock, ha espresso un punto di vista diverso, anticipando che la Federal Reserve adotterà un approccio cauto e non prevede tre tagli ai tassi di interesse quest'anno.

PAUL KRUGMAN DICHIARA CHE L'INFLAZIONE È STATA SCONFITTA

In particolare, il rinomato economista americano Paul Krugman ha recentemente dichiarato che negli Stati Uniti "l'inflazione è stata sconfitta". Ha fatto riferimento all'indice dei prezzi al consumo core degli Stati Uniti (CPI), che misura le variazioni dei prezzi dei beni e dei servizi, escludendo alimentari ed energia. Il CPI core negli ultimi 12 mesi si è attestato al 3,9%, ma ciò che è ancora più importante, negli ultimi sei mesi è stato del 3,2%. Ciò indica una leggera diminuzione del tasso di inflazione di recente.

Krugman ha sottolineato che il CPI core senza i costi dell'alloggio (che presentano alcuni problemi storici) è stato solo del 1,6% negli ultimi sei mesi. Questo numero molto più basso implica che il tasso di inflazione è molto meno serio senza l'effetto dei costi dell'alloggio.

Immagine in primo piano via Pixabay.

43b64596ff721041c1d3e79a9baec327a2647c37.jpg