🧮CRYPTOMAP 🧮STOCKMAP 🔍SUPERSEARCH
Menu Laterale Completo
× 📱 DOWNLOAD APP OUR SERVICE

🟡TRADER CAUTI NONOSTANTE GUADAGNI BITCOIN

🟡TRADER CAUTI NONOSTANTE GUADAGNI BITCOIN

Giorno: 2024-03-03 | Ora: 07:32 Il prezzo del Bitcoin è aumentato del 23% negli ultimi cinque giorni, ma i trader di opzioni su Bitcoin non sono ancora ottimisti. I trader temono una riduzione dei flussi di denaro verso gli ETF di Bitcoin e una recessione economica negli Stati Uniti. Nonostante gli ETF di Bitcoin abbiano registrato flussi di denaro positivi, gli investitori sono preoccupati che questi flussi possano diminuire, causando una correzione dei prezzi. Alcuni trader non credono nel mercato rialzista attuale, mentre altri ritengono che non sia necessario utilizzare la leva finanziaria a causa dell'incertezza economica. I dati del mercato delle opzioni sul Bitcoin indicano una bilanciamento tra la domanda di protezione al ribasso e al rialzo. Nonostante l'aumento dei prezzi del Bitcoin, i trader sono diventati meno ottimisti, il che riflette l'ansia degli investitori nel periodo di accumulazione.

I trader di opzioni Bitcoin rimangono cauti nonostante i guadagni del 23%

Nonostante l'aumento del 23% di Bitcoin nei primi cinque giorni di febbraio, i trader di opzioni Bitcoin non sembrano essere ottimisti. Una delle ragioni potrebbe essere la necessità di protezione verso il ribasso, dato che l'ultima volta che Bitcoin ha registrato un calo settimanale del 5% è stato cinque settimane fa. I trader temono che i flussi di denaro verso gli ETF Bitcoin e l'economia statunitense potrebbero diminuire. Nonostante gli ETF Bitcoin abbiano registrato un flusso netto positivo, gli investitori sono preoccupati che questi flussi possano diminuire e causare una correzione dei prezzi. Questo atteggiamento indica che i trader non credono nel mercato rialzista attuale o ritengono che non sia necessario utilizzare leva finanziaria data l'incertezza dell'economia. Alcuni analisti pensano che questi flussi di denaro potrebbero non essere sostenibili a lungo termine, a causa della diminuzione della domanda causata dall'aumento del prezzo di Bitcoin o dalla preferenza limitata per l'esposizione ai rischi criptovalutari. D'altra parte, alcuni trader credono che l'aumento dei prezzi di Bitcoin stimolerà ulteriormente la vendita degli ETF. Inoltre, se l'economia statunitense subisse una grave recessione o gli investitori fossero costretti a liquidare le posizioni redditizie per coprire i costi di finanziamento in aumento altrove, tutte queste supposizioni potrebbero essere smentite. Un'elevata probabilità di recessione economica negli Stati Uniti nel 2024 è stata prevista dall'economista David Rosenberg, che ha anche sottolineato che in caso di contrazione economica il mercato azionario subirà "enormi perdite". Per valutare il livello di preoccupazione dei trader professionisti riguardo a Bitcoin, è necessario esaminare il mercato delle opzioni Bitcoin. Un indicatore da monitorare è lo scostamento del 25% delta, che rivela quando i desk di trading e i market maker stanno addebitando costi eccessivi per la protezione al rialzo o al ribasso. Dal 20 febbraio, lo scostamento del 25% delta delle opzioni Bitcoin è rimasto neutrale, oscillando tra -7% e +7%. Ciò indica che i prezzi delle opzioni di acquisto e di vendita sono generalmente bilanciati. Interessante notare che dopo sei giorni in cui Bitcoin non è riuscito a superare la soglia dei $52.500, i trader sono diventati meno ottimisti. Questo riflette l'ansia degli investitori nel periodo di accumulo delle criptovalute. Per valutare le posizioni dei trader di opzioni Bitcoin, è necessario incrociare i dati del mercato dei futures. L'indicatore utilizzato tiene conto delle posizioni sui contratti di contanti, perenne e trimestrali. La figura presenta una visione completa degli atteggiamenti rialzisti o ribassisti. I dati mostrano che fino al 26 febbraio i trader principali su Binance e OKX sono rimasti relativamente neutrali. Tuttavia, con il superamento dei $53.000, le posizioni lunghe nette hanno iniziato ad aumentare. Questo dato contrasta in parte con i dati sullo scostamento di Bitcoin, ma potrebbe essere dovuto a liquidazioni forzate delle posizioni ribassiste. Inoltre, il tasso di posizioni lunghe e ribassiste dei trader di OKX non ha ancora raggiunto i massimi mensili, quindi è difficile affermare che i trader professionisti siano attualmente ottimisti. Pertanto, se i flussi di denaro verso gli ETF continuano ad aumentare, i trader attualmente scettici potrebbero dover rivedere la propria posizione.

Immagine di Marcel Pechman, Cointelegraph
Immagine di Laevitas
Immagine di Coinglass

Source : Panews

Read more